Inviare email in Node.js è abbastanza semplice usando il modulo nodemailer!

Cominciamo con package.json:

{
    "name": "TestEmail",
    "version": "1.0.0",
    "keywords": [],
    "author": "Mattepuffo",
    "contributors": [],
    "dependencies": {
        "nodemailer": "*"
    }
}

Apache POI è una libreria per Java per la manipolazione dei file di MS Office.

Oggi vediamo un esempio su come creare un file Excel.

Se usate Maven, aggiungete questo al vostro pom.xml:

        <dependency>
            <groupId>org.apache.poi</groupId>
            <artifactId>poi</artifactId>
            <version>3.16</version>
        </dependency>
        <dependency>
            <groupId>org.apache.poi</groupId>
            <artifactId>poi-ooxml</artifactId>
            <version>3.15</version>
            <type>jar</type>
        </dependency>

Commandline è una delle tante librerie per Java per il parsing della riga di comando.

E' abbastanza semplice da usare, anche se al momento non rientra tra le mie preferite.

Vediamo un esempio in cui impostiamo due opzioni:

  • nome, di tipo stringa
  • vebosità, di tipo booleano

L'esempio è basico, e sul sito ci stanno diversi esempi avanzati.

Fuel è un'altra libreria per eseguire richieste HTTP in Kotlin.

Di base ha due dipendenze; se usate Maven:

    <dependencies>
        <dependency>
            <groupId>com.github.kittinunf.fuel</groupId>
            <artifactId>fuel</artifactId>
            <version>1.8.0</version>
        </dependency>
        <dependency>
            <groupId>com.github.kittinunf.result</groupId>
            <artifactId>result</artifactId>
            <version>1.1.0</version>
        </dependency>
    </dependencies>

zTerminal è un plugin per jQuery che ci permette di creare un emulatore di terminale online.

Ovviamente non si tratta di un emulatore di sistema, in cui possiamo lanciare i comandi che conosciamo.

I comandi saremo noi ad impostarli con Javascript.

Kotlin ha un supporto completo per gli Enum, e mette anche a disposizione alcuni metodi statici abbastanza comodi.

Vediamo un esempio basico.

Mustache è uno dei template engine più conosciuti ed usati.

Disponibile per tantissimi linguaggi, oggi vediamo come usarlo in Java; lo useremo in un progetto console, visualizzando dei dati "statici" giusto per vedere un esempio base.

Se usiamo Maven, possiamo installarlo così:

        <dependency>
            <groupId>com.github.spullara.mustache.java</groupId>
            <artifactId>compiler</artifactId>
            <version>0.9.5</version>
        </dependency>

Unirest è un libreria per creare richieste HTTP in maniera molto semplice e veloce.

E' disponibile per diversi linguaggi, ed oggi vedremo un esempio con Ruby.

Prima di tutto dobbiamo installarlo:

$ gem install unirest

In un programma scritto in Qt, dovevo interecettare la pressione del tasto F8 in una QLineEdit.

Una volta premuto il tasto, il programma deve svolgere delle operazioni.

Per fare questo bisogna usare gli eventFilter.

Per tipo di variabile intendo che tipo di oggetto è una determinata variabile.

Può essere utile in alcuni per capire bene cosa restituisce un determinato oggetto.

In Java si usa instanceof, che corrisponde alla parola chiave is in Kotlin.