Loading ...

Abbiamo già visto UnQLite in Python, ed oggi vediamo come usarlo in C#.

Un esempio breve, giusto per vederne l'utilizzo di base.

Ricordiamo che UnQLite è un embedded-database di tipo NoSQL.

Google mette a disposzione parecchie API per i suoi servizi; oggi vediamo come usare quelle per Google Calendar con C#!

Il punto di partenza, per qualsiasi API, è creare un progetto; potete iniziare con il wizard ufficiale.

Poi andate nella sezione Libreria ed attivate le API che volete; Google Calendar richiede delle credenziali, che potete creare nella sezione Credenziali.

Create quelle di tipo OAuth; una volta fatto dovete scaricare il file in formato JSON (sempre dalla pagina Credenziali), e salvatelo da qualche parte.

Google mette a disposzione parecchie API per i suoi servizi; oggi vediamo come usare quelle per Google Drive con C#!

Il punto di partenza, per qualsiasi API, è creare un progetto; potete iniziare con il wizard ufficiale.

Poi andate nella sezione Libreria ed attivate le API che volete; GDrive richiede delle credenziali, che potete creare nella sezione Credenziali.

Create quelle di tipo OAuth; una volta fatto dovete scaricare il file in formato JSON (sempre dalla pagina Credenziali), e salvatelo da qualche parte.

Di default C# non ha metodi per spostare file nel cestino.

Dobbiamo aggiungere il reference a Visual Basic ed usare la classe FileSystem del namespace Microsoft.VisualBasic.FileIO.

Questa classe accetta diverse opzioni; noi metteremo queste:

  • il file da cancellare (ovviamente)
  • visualizzaremo il dialog per chiedere un ulteriore ok
  • imposteremo l'invio al cestino (si potrebbe anche impostare direttamente la cancellazione, ma sarebbe inutile per il nostro esempio)
  • cosa fare se si decide di non cancellare più il file (si potrebbe lanciare l'eccezione)

L'altro giorno stavo giochicchiando con C#, e nello specifico con gli array multidimensionali.

Ho visto che in effetti non avevo mai fatto un esempio, neanche banale.

Quindi lo faccio oggi; partiamo dal presupposto che è, appunto, un esempio basico.