Vim, il famoso editor da riga di comando per Linux, viene con già diversi colori da poter utilizzare.

Ma ho scoperto un sito online che ne mette tantissimi a disposizione: Vim Colors!

Electron arriva provvisto di vari dialog per interagire con il file system sottostante.

Quello ci permette di selezionare file /directory si chiama showOpenDialog, ed abbastanza configurabile.

Ad esempio io volevo far selezionare solo file con estensione MP3.

E' possibile usando FileFilter!

Il file .bashrc è molto importante per chi usa molto la riga di comando in Linux.

Questo perchè è possibile configurare diverse cose senza andare ad intaccare la configurazione globale del sistema.

E' comunque possibile fare qualche casino, e voler ripristinare la versione di default.

Sto sviluppando un programmino con Electron, e voglio poter trascinre i file MP3 sulla finestra.

Come posso fare?

Impostare il drop su Electron è abbastanza semplice.

A livello di init della app non ho cambiato nulla.

Sto migrando un sito da Bootstrap 3 a Bootstrap 4, che fornisce anche una pagina apposita per facilitare la migrazione.

Ci sono comunque alcune cose un pò oscure.

Una di queste riguarda le classi visible e hidden, che in sostanza si occupano di rendere visibile / nascondere dei componenti solo a determinate risoluzioni.

In pratica, al click su un link, deve partire una elaborazione lato PHP, che deve estrarre dei dati e riempire un file txt.

Tale file non deve essere salvato sul server, ma deve essere mandato in output nel browser.

Tralascio la parte di elaborazione ed estrazione dati; il file riempito come volete e vi serve.

Ci sono vari programmi per il recupero dei file cancellati su Linux, ed uno dei più usati è foremost!

Il suo uso è abbastanza semplice, e si trova praticamente sempre nei repo ufficiali delle varie distro.

Per installarlo su Arch Linux:

# pacman -Sy foremost

In questo articolo avevamo visto come creare un menu personalizzato in Electron.

Oggi vediamo come impostare delle scorciatoie da tastiera, modificandole a seconda se siamo su macOs o meno.

Jackson è una delle librerie più conosciute ed usate per il parsing di JSON in Java.

Ma in verità questa libreria fa molto di più con le sue estensioni.

Oggi vediamo come usarla per fare il parsing di file in formato YAML!

Se usate Maven aggiungete questo al vostro pom.xml:

        <dependency>
            <groupId>com.fasterxml.jackson.dataformat</groupId>
            <artifactId>jackson-dataformat-yaml</artifactId>
            <version>2.9.1</version>
        </dependency>
        <dependency>
            <groupId>com.fasterxml.jackson.core</groupId>
            <artifactId>jackson-databind</artifactId>
            <version>2.9.1</version>
        </dependency>

Non che sia fondamentale sapere quando è stato esattamente installata la nostra distro Linux.

Ma può essere interessante.

Una prima maniera è visualizzare i log.