In linea di massima Windows non è in grado di accedere alle partizioni Linux.

C'è qualche vecchio driver (che non mi ricordo come si chiama) che permette di accedere alle partizioni Ext2, ma non è più stato aggiornato, e visto che la maggior parte delle distro oggi usa EXt4 non è molto utile.

Inoltre aggiungo anche non è molto consigliata come operazione, ma le emergenze ci stanno sempre.

Sappiamo tutti che tra poco ci sarà il passaggio al IPv6 visto che gli indirizzi IPv4 stanno rapidamente esaurendo.

Linux, Mac OS X, Vista e 7 prevedono di default il supporto alla nuova versione; XP no e vista anche l'età non c'è da stupirsi.

Ma non tutto è perduto; vediamo come possiamo fare.

Andate in Pannello di Controllo > Connessioni di rete.

Ho scoperto un modo per vedere chi ha usato il nostro pc con Windows XP a nostra insaputa.

Prima di tutto dobbiamo attivare il controllo.

Andate su Start/Esegui e scrivete

gpedit.msc

Nella finestra che vi compare andate su (vi riporto l'albero in ordine):

NB: non sono responsabile per eventuali danni arrecati a un vostro errore nella procedura.


A mio parere il Mac funziona così bene che è un pò inutile installarci sopra altri sistemi operativi, anche se si tratta di Linux (che io preferisco a tutto).

Però se è l'unica macchina a disposizione e non vogliamo installare tutto in virtuale possiamo benissimo condividere i tre sistemi.

Per farlo ci serve:

  • un Mac con processore Intel
  • disco di installazione di Windows
  • una distro Linux
  • rEFIT cercando di scaricare la versione più recente possibile

Inoltre è meglio se prima effettuate un bel backup e, perchè no, clonate l'immagine del Mac con Clonezilla.

Quando creiamo un collegamento a un file o una cartella, Windows rinomina automaticamente il collegamento in MioFile - Collegamento (in Vista e 7) o in Collegamento a MioFile (in XP).

Questo viene fatto per fare in modo che i principianti non si confondano.

Ma se siamo stufi di questo comportamento e vogliamo la stringa Collegamento che dobbiamo fare?

Lanciamo regedit (l'editor di registro): Start>Esegui>regedit.