Nel titolo ho specificato nelle app, e adesso vi spiego il motivo.

In sostanza, ormai, quasi tutte le app più importanti hanno aggiunto / migliorato il browser in app.

Il che significa che potete accedere ai contenuti condivisi direttamente dal browser della app, senza passare per il browser del sistema.

Ovviamente questo non segue le impostazioni del browser di default, compreso il do not track.

Sicuramte ci è capitato almeno una volta di stare sul nostro iPhone e voler "salvare" del testo o semplicemente evidenziarlo per poi ricontrollarlo.

Per fare questa operazione ci può venire in aiuto una free app: Liner!

E' descritto come un text highlighting tool; in pratica ci permette di evidenzare del testo in maniera molto semplice.

Quando si programma per il web, facendo il test sui device mobili, spesso il problema è che non si possono vedere i sorgenti delle pagine web per capire dove sia il problema.

In effeti, di default, non è possibile svolgere questa attività.

Però ho scoperto che, con una app a pagamento, è possibile farlo su iOS (su Android ancora non lo so).

Esistono diversi servizi web che permettono di riconoscere i font da immagini, testi, ecc.

Ma ho scoperto due ottime estensioni che permettono di farlo direttamente da browser: Fontface Ninja e WhatFont.

Entrambe sono disponibili solo per Chrome e Safari per ora.

Tra le due ho provato solo la prima, ma dagli screenshot in giro mi sembrano abbastanza simili.

Fontface Ninja piazza una piccola icona vicino alla barra deli indirizzi.

Le finestre modali sono molto utilizzate, in quanto sostituiscono bene i pop-up, e generalmente hanno un aspetto migliori dei classici alert.

Anche Twitter Bootstrap ha questo componente, ed è anche molto facile da usare.

Di default, però, si centra solo orizzontalmente, partendo dalla parte alta dello schermo.

Cosa che va bene nel caso di testi lunghi; ma potrebbe non essere carino nel caso di scritte molto brevi, come ad esempio modal per il loading.