Loading ...

SQLite è uno dei database embedded più utilizzati, ed oggi vediamo come usarlo in un'applicazione Java.

Cominciamo con le dipendenze di Maven:

        <dependency>
            <groupId>org.xerial</groupId>
            <artifactId>sqlite-jdbc</artifactId>
            <version>3.21.0.1</version>
        </dependency>

Abbiamo già visto Javalin.io, ma in ambito Java.

Oggi vediamo come usarlo in Kotlin (praticamente è la stessa cosa).

Lumen è un framework derivato da Laravel usato principalmente per la costruzione di servizi di REST.

Da quanto ho capito, supporta solo l'output in formato JSON.

Per me non ci sono grossi problemi visto che lo preferisco a XML; ma oggi mi è servito proprio questo formato.

Ho scoperto che è possibile usarlo attraverso un'estensione (usabile anche in Laravel): laravel-formatter!

Come potete vedere dalla documentazione, supporta vari tipi di output.

Ho una TableView in JavaFX con una colonna che visualizza i dati di un testo in formato HTML.

Di default vengono mostrati tutti i tag, e quindi HTML non viene renderizzato.

Si può rimediare creando una TableCell personalizzata.

Google mette a disposzione parecchie API per i suoi servizi; oggi vediamo come usare quelle per Google Calendar con Ruby!

Il punto di partenza, per qualsiasi API, è creare un progetto; potete iniziare con il wizard ufficiale.

Poi andate nella sezione Libreria ed attivate le API che volete; Google Calendar richiede delle credenziali, che potete creare nella sezione Credenziali.

Create quelle di tipo OAuth; una volta fatto dovete scaricare il file in formato JSON (sempre dalla pagina Credenziali), e salvatelo da qualche parte.

In questo articolo abbiamo visto come usare Nitrite in un'appllicazione desktop in Java.

Oggi vediamo come usare il database in Android.

Useremo sempre Java, anche se in realtà la app è scritta in Kotlin; esiste una estensione per questo linguaggio, ma per semplicità ho preferito usare Java.

Nitrite è un database embedded di tipo NoSQL scritto in Java; è quindi perfetto per le nostre applicazioni scritte in questo linguaggio che richiedono un db di questo tipo.

Non è molto difficile da usare, ed è anche possibile usarlo dentro applicazioni Android (ne vedremo un esempio in un altro articolo); infine, è usabile anche in Kotlin.

Detto ciò, vediamo come usarlo; se usate Maven:

        <dependency>
            <groupId>org.dizitart</groupId>
            <artifactId>nitrite</artifactId>
            <version>3.0.0</version>
        </dependency>

JavaFX e Swing rappresentano i toolkit grafici più usati in ambito Java; in cui JavaFX è considerato quello del futuro, riespetto a Swing che sarà pian piano abbandonato.

Però ho avuto un problema che ho dovuto risolvere usandoli insieme.

In pratica, in un progetto JavaFX, sto usando HTMLEditor; solo che il tasto invio non funziona, ed al suo posto bisogna usare CTRL+M.

Girando ho capito che si tratta di un bug abbastanza noto.

Abbiamo già visto UnQLite in Python, ed oggi vediamo come usarlo in C#.

Un esempio breve, giusto per vederne l'utilizzo di base.

Ricordiamo che UnQLite è un embedded-database di tipo NoSQL.

PDFBox è una delle librerie più usate per la creazione di PDF con Java.

Non è difficile da usare, ed oggi vediamo un esempio con immagini.

L'esempio è ripreso da un caso reale, in quanto è il codice usato in MPPhotoGallery.

Se usate Maven aggiungete questa dipendenza:

        <dependency>
            <groupId>org.apache.pdfbox</groupId>
            <artifactId>pdfbox</artifactId>
            <version>2.0.8</version>
        </dependency>