Loading ...

MOUT è una libreria modulare molto completa per Javascript.

E' possibile usarla sia insieme a Node.js, che separatamente (anche se è un pò complicato...).

Come dicono gli sviluppatori, non nasce per sostituire altre libreria, ma aggiungere metodi di utilità facilmente riutilizzabili.

jqxDropDownlist è il componente di jQWidgets che rappresenta il classico menu a tendina di HTML.

Molto usato nei form, oggi vediamo come farne la validazione con jqxValidator; come si evince dal nome, è il modulo che si occupa della validazione dei form in jQWidgets.

Arriva già con diverse regole, ma nessuna adatta a jqxDropDownlist.

Praticamente abbiamo un array di oggetti di questo tipo, e vogliamo fare una comparazione per nome (ad esempio):

        const arrObj = [
            {nome: 'paola', eta: 33},
            {nome: 'gina', eta: 40},
            {nome: 'franceso', eta: 31},
        ];

Tempo fa scrissi un articolo che riguardava lo stesso argomento, ma su una versione vecchia di Angular; e tra l'altro mi ero ripromesso di riscriverlo.

E quindi eccoci qua; cominciamo col creare un service per le richieste:

$ ng generate service jhttp

Verrà creato il file jhttp.service.ts.

Cambiare il titolo nelle varie pagine di Angular, non è complicato; ma non è neanche proprio intuitivo di base.

Questo perchè, di default, tutti i componenti vengono iniettati nell'index.html, e non c'è un mezzo di default per cambiare il titolo impostato (che in genere è il nome del progetto).

Materialize è uno dei vari framework CSS disponibili, e si rifà a Google Material.

Questo framework è disponibile anche per React con il nome di Material-UI, ed oggi vediamo come usarlo.

Sul web si trovano solo esempi di richieste HTTP in React usando la libreria Axios.

Non metto in dubbio la sua qualità, ma a me non ha funzionato causa CORS.

Anche se in verità ho fatto tutto quello che andava fatto (potete leggere qui).

La rimozione di HTML con jQuery è veramente una cosa semplice, in quanto ci basta usare il metodo remove indicando:

  • l'id del componente
  • la classe del componente
  • un componente intero

Per usare nel miogliore dei modi TinyMCE con Vue.js, è meglio usare un plugin apposito: tinymce-vue!

Se non volete / potete usarlo con Node.js, dovrete prima installare il pacchetto e poi estrarre il Javascript; io ho fatto così, e poi ho disinstallato il pacchetto.

Per trovare il JS potete usare il cerca del vostro OS.

Anche le applicazioni fatte con Electron e Node.js possono avere la necessità di salvare i dati in maniera persistente.

Tra le varie soluzioni possibili, oggi vediamo NeDB, un db scritto tutto in Javascript.