Home / Sistemi operativi & mobile / Linux / Deframmentare partizioni EXT4
Mattepuffo

Deframmentare partizioni EXT4

Deframmentare partizioni EXT4

Il filesystem EXT4 è tra i più utilizzati in ambito Linux, e come gli altri filesystem, non richiede una deframmentazione.

(Come invece succede per i filesystem in ambito Windows come FAT e NTFS).

Però, soprattutto in ambito server dove si smuovono grandi quantità di dati, fare almeno un controllo non è male.

Per fare questo c'è un tool apposito che si chiama e4defrag.

Dovrebbe essere installato già di default, quindi vediamo qualche esempio (i comandi sono comunque pochi):

# e4defrag -c /dev/sda2
                             now/best       size/ext
1. /usr/bin/pinentry-emacs                       2/1             24 KB
2. /usr/share/locale/da/LC_MESSAGES/gvfs.mo
                                                 2/1             26 KB
3. /usr/share/locale/cs/LC_MESSAGES/gvfs.mo
                                                 2/1             26 KB
4. /usr/include/mpfr.h                           2/1             26 KB
5. /usr/share/locale/ca/LC_MESSAGES/gvfs.mo
                                                 2/1             28 KB

 Total/best extents                115192/115123
 Average size per extent            40 KB
 Fragmentation score                0
 [0-30 no problem: 31-55 a little bit fragmented: 56- needs defrag]
 This device (/dev/sda2) does not need defragmentation.
 Done.

Con questo comando abbiamo fatto un controllo sulla necessità di deframmentare.

Come vedete nel mio caso non è necessario.

Se comunque vogliamo deframmentare un file:

# e4defrag /usr/include/mpfr.h

Oppure, se vogliamo defframentare tutto il device:

# e4defrag /dev/sda2

Questo comando potrebbe metterci un pò, a seconda di quanti file avete nel sistema ovviamente.

Se volete aumentare la verbosità dell'output potete aggiungere il flag -v.

Enjoy!