Home / Sistemi operativi & mobile / Linux / Creare punti di ripristino su Linux con TimeShift
Mattepuffo

Creare punti di ripristino su Linux con TimeShift

Creare punti di ripristino su Linux con TimeShift

Se usiamo Time Machine su Apple o i punti di riprisitno su Windows, forse abbiamo sentito la mancanza di un software del genere su Linux.

Se vogliamo ottenere le stesse funzionalità possiamo usare TimeShift, che nelle ultime versioni porta con se anche il supporto a BTRFS.

Su Archlinux possiamo usare AUR:

# yaourt -Sy timeshift

Per Debian e Ubuntu:

# apt-add-repository ppa:teejee2008/ppa
# aptitude update
# aptitude install timeshift

A questo punto, per creare un punto di ripristino, possiamo usare la gui in dotazione.

Nella finestra principale selezionate il disco di destinazione, e poi cliccate sul tasto Backup.

Verrà avviata la procedura e salvati i file sul disco prescelto; al termine verrà montato il punto di ripristino.

Se volete fare altre personalizzazioni potete cliccare su Impostazioni e scegliere varie opzioni.

Se invece vogliamo fare l'operazione contraria, selezionate il disco che contiene il punto di ripristino e cliccate su Restore.

Al passaggio successivo scegliete il dispositvo su cui ripristinare i dati.

Dalla scheda Escludi potete scegliere eventuali file da non caricare.

Una volta scelte tutte le impostazioni cliccate su Ripristina e confermate.

Infine, sappiate che volendo questo programma è anche in grado di clonare un intero sistema operativo.

Insomma, diciamo che un programma che può rientrare nel pacchetto di software che un amministratore di sistema deve avere installato!

Enjoy!