Home / Sistemi operativi & mobile / Linux / Usare locate in USB e hard disk esterni
Mattepuffo

Usare locate in USB e hard disk esterni

Usare locate in USB e hard disk esterni

Di locate ne abbiamo già parlato: è una ottima alternativa al comando find per cercare nel file system.

La differenza sostanziale è che si basa su un database, aggiornato in automatico da sistema, o manualmente tramite il comando:

# updatedb

Di default il comando di configurazione eslcude alcune directory per non appesantire troppo il database.

Tra le esclusioni ci sono anche i device esterni, compresi HD montati come partizioni secondarie ma che non fanno parte del file system di sistema.

Comportamento "sbagliato" se teniamo tutti i nostri file in HD secondari.

Possiamo, però, facilmente cambiare questa configurazione, editando il file /etc/updatedb.conf.

Se guardate il file trovarete la direttiva PRUNEFS; a me è bastato togliere l'opzione tmpfs e riaggiornare il db.

Ma vi consilgio di mettere le directory /dev e /sys/fs/cgroup per non indicizzare troppo.

Ovviamente i parametri / percorsi possono cambiare tra le distro; io sto usando Archlinux.

Ciao!!